Fasce orarie Monoraria e Bioraria: quando il risparmio energetico è maggiore? - Zero Costi Luce e Gas
Posted on / by wp_2293094 / in Blog

Fasce orarie Monoraria e Bioraria: quando il risparmio energetico è maggiore?

Tariffa luce monoraria: cos’è e a chi conviene

Forse non lo sapevi, ma consumando la stessa quantità di energia elettrica in una fascia oraria spendi di più piuttosto che in un’altra. In effetti, il prezzo relativo ai consumi non è distribuito in maniera uniforme su tutte le fasce orarie. Durante alcuni giorni ed orari della settimana, la domanda di energia elettrica cresce, mentre in altri giorni diminuisce. Altresì, viene richiesta molta più energia elettrica di giorno piuttosto che di notte.

Il motivo di tutto questo è abbastanza semplice da comprendere: durante queste ore i negozi, gli uffici e le fabbriche restano aperti consumando molta elettricità. Viceversa, la domanda di energia elettrica diminuisce di notte e durante i giorni festivi, quando tutte le attività commerciali ed economiche rallentano in modo considerevole. Ovviamente, tutte queste differenti si ripercuotono in maniera inevitabile anche sui prezzi dell’energia elettrica. Quindi, adattandosi al cambio delle tariffe relativo alle diverse fasce di consumo dell’energia elettrica è possibile risparmiare e tagliare i costi in bolletta.

Consumo energia elettrica: costi fissi e costi variabili

In effetti, produrre la stessa quantità di energia durante le ore di picco è davvero molto costoso. Quindi, basare tutta la produzione su di un sistema di prezzi differenziati che rifletta le particolarità del settore aiuta a risparmiare. Al sistema delle fasce orarie devono prestare attenzione soprattutto quelle famiglie che di norma consumano molta energia elettrica la sera oppure nei weekend.

Conoscere le particolarità di questo sistema, permette agli utenti di concentrare l’utilizzo degli elettrodomestici che consumano più energia elettrica soprattutto in alcune ore del giorno. In questo modo si riducono i picchi della domanda e vengono diminuiti di molto i costi del sistema elettrico italiano. Tuttavia, oltre alla presenza dei costi variabili, esiste anche un sistema costi fissi. Di norma si tratta di tariffe abbastanza alte che si riflettono in modo uniforme su tutte le fasce orarie. In questo modo si cerca di compensare i costi di produzione maggiorati durante le fasce orarie di sovraccarico del sistema. D’altro canto, però, un sistema a tariffa fissa non offre agli utenti alcuna possibilità relativa per il risparmio.

Prezzo bloccato vs prezzo indicizzato

Per i contratti in regime di maggior tutela, l’energia è comprata tutta insieme all’ingrosso dall’Acquirente unico (AU) e i prezzi delle tariffe sono fissati ogni tre mesi dall’Autorità in base a quanto spende AU sul mercato.

Per i contratti stipulati sul libero mercato, esistono invece numerose formule di prezzo. In genere, sono di due tipi: a prezzo bloccato o a prezzo indicizzato.Le tariffe a prezzo bloccato prevedono una prezzo fisso al kWh oppure al mese (con un tetto massimo dei consumi) per un periodo di tempo ben definito, al termine del quale il prezzo sarà aggiornato e il consumatore sarà libero di continuare la fornitura o passare a un altro operatore. Le tariffe indicizzate prevedono invece che il prezzo dell’energia possa variare in funzione della variazione del prezzo di qualcos’altro. In genere, si può fare riferimento al prezzo degli idrocarburi, oppure all’andamento del prezzo dell’elettricità all’ingrosso.

In ogni caso, la legge prevede che il venditore debba descrivere sinteticamente e chiaramente quale meccanismo d’indicizzazione si adotta, quale è il prezzo massimo raggiunto negli ultimi dodici mesi e il periodo in cui questo prezzo massimo è stato raggiunto. Inoltre, il venditore deve indicare chiaramente la frequenza delle possibili variazioni.

Una forma molto diffusa di indicizzazione è quella al prezzo praticato dall’Autorità per la tariffa bioraria, a cui spesso i venditori applicano un ulteriore sconto.

Fasce orarie F1, F2 ed F3

Il meccanismo alla base del funzionamento delle fasce orarieapplicato alle offerte luce è davvero molto semplice dalle 19,00 alle 8,00 durante i giorni feriali si ha la fascia 2 (F2, in cui l’energia elettrica costa di meno); durante il weekend e festivi, invece, si ha la fascia 3 (F3, anche in questo caso i prezzi sono notevolmente bassi). D’altro canto, i prezzi salgono in maniera molto accentuata dal lunedì al venerdì, dalle 8,00 alle 19,00, quando si ha la fascia 1 (F1). La differenza di prezzi si riflette sulle differenze in termini di produzione dell’energia elettrica in KWh. Questo fattore, tuttavia, non rappresenta che una piccola parte dell’intero prezzo della bolletta di energia elettrica. Il prezzo mensile dell’energia elettrica praticato viene stabilito trimestralmente dall’ARERA stessa, tuttavia i prezzi per le fasce 2 e 3 non cambiano praticamente mai. I clienti che, invece, hanno scelto il mercato libero dell’energia elettrica devono per forza adottare quelle condizioni che sono state riportate nel contratto stipulato con l’operatore.

Tariffa luce monoraria: cos’è e a chi conviene

La tariffa monoraria è quella che prevede un prezzo dell’elettricità sempre uguale nel corso della giornata, indipendentemente dall’ora in cui avviene il consumo.

Questo tipo di tariffa esiste ancora nel contratto di maggior tutela, ossia quello regolato dall’ARERA (ex Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico) solamente per gli utenti che non dispongono ancora di un contatore elettronico, ossia del contatore bianco con il display digitale. Per questi utenti, la tariffa monoraria è fissata ogni trimestre all’Autorità. Sul mercato libero, invece, è possibile per tutti stipulare un contratto di fornitura con tariffa monoraria. Le condizioni e il prezzo di questi contratti sono stabiliti dai venditori.

Tariffa luce bioraria: cos’è e a chi conviene

La tariffa luce bioraria prevede solo due prezzi: uno più alto per i consumi che avvengono dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 19:00 (fascia F1) e uno più basso per i consumi che avvengono in tutti gli altri orari (fasce F2 e F3). I prezzi sono fissati dall’Autorità ogni trimestre per quanto riguarda le offerte luce in maggior tutela.

Le tariffe biorarie sono anche disponibili sul mercato libero per tutte le famiglie che dispongono del contatore elettronico. In questo caso i prezzi sono stabiliti dai venditori e chiaramente indicati nel contratto.

Via:www.facile.it

Lascia un commento

Cresta Help Chat
Invia su WhatsApp